Click here to listen to the Daily Zohar [audio:http://dailyzohar.com/wp-content/uploads/audio/dz1006.mp3|titles=Daily Zohar 1006]
Holy Zohar text. Daily Zohar -1006

Tikkun 70-111.
A Rabbi Shimòn è stato chiesto perché un bambino nasce con la capacità di vedere nei suoi occhi e egli ha risposto che è nel segreto di :

Genesi-Bereshìt 27:1.וַיְהִי כִּי זָקֵן יִצְחָק, וַתִּכְהֶיןָ עֵינָיו מֵרְאֹת““vaiehì kì-zaken Yitzchàk vatichheinà einàv mer’òt”. “e avvenne che, quando Yitzchàk era vecchio e gli occhi erano offuscati”.
Gli occhi di Yitzchàk hanno perso la vista a causa della Luce rivelata quando suo padre, Avrahàm, lo legò per il sacrificio (Akedàt Yitzchàk). Quando il bambino è nel grembo di sua madre, che è ancora in collegamento diretto con i mondi spirituali superiori.L’Anima è Luce e il corpo è materia. Ci vogliono 40 giorni per il seme per collegare l’anima al corpo. Dopo di che,essa passa attraverso 231 porte fino al completamento del processo dopo 271 giorni.

    “Il valore numerico della parola in Ebraico gravidanza הריון (heraiòn) ha come valore numerico 271 come il numero dei giorni di gravidanza.
Nel quarantesimo (40) o quarantunesimo (41) giorno, il bambino rivela il suo primo impulso elettrico che ci dice che il bambino ha iniziato la sua vita. Il valore numerico della parola Madre,אם in ebraico è 41. Ciò significa che solo dopo 41 giorni una donna incinta può essere chiamata Madre.  231 è il numero di due lettere combinazioni uniche in ebraico Aleph-Bet. 22 volte 22 = 484 – 22 (per omettere i duplicati come אא, בב ecc), poi dividiamo per 2 per ottenere 231, perché una coppia come אב (A’V) è la stessa come  בא (BA’)

Durante il processo di vestizione dell’anima con un corpo di questo mondo, l’anima può vedere e connettersi ai segreti della Torah e viene detto riguardo al suo processo di Tikkun e tutto ciò che è necessario per correggersi.

 

Quando il bambino è pronto per uscire fuori noi vediamo l’aspetto descritto in Genesi-Bereshìt 1:9. “וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים, יִקָּווּ הַמַּיִם מִתַּחַת הַשָּׁמַיִם אֶל מָקוֹם אֶחָד, וְתֵרָאֶה, הַיַּבָּשָׁה” “vaiomer Elohìm yikavù hàmaim mìtachàt hashamayim èl-makòm echàd vetera’èh hayavashàh “”E HaShèm disse: ‘Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo, e appaia l’asciutto”.

L’acqua che protegge (la Luce dellaToràh) all’esterno del corpo è separata dal bambino ed il corpo esce fuori asciutto al mondo. Tutta la Luce di cui godeva all’interno del grembo materno è andata via e si dimentica tutto quello che ha imparato durante il processo di crescita nel grembo materno.
Il processo all’esterno continua e l’obiettivo principale è riconnettersi “indietro” alla Luce della Toràh che è l’acqua che protegge la Vita.

{| |}