Click here to listen to the Daily Zohar [audio:http://dailyzohar.com/wp-content/uploads/audio/dz971.mp3|titles=Daily Zohar 971]
Holy Zohar text. Daily Zohar -971
Hebrew translation:

Tikkun 70 – 76

In questa sezione lo Zohar spiega l’effetto della nostra connessione spirituale sul corpo.
Quando (gli uomini) si coprono con un טלית Talit, che è uno scialle di preghiera, noi stabiliamo una connessione da Zeir Anpìn a Malchùt. Le lettere Ebraiche טל , (Tàl) significano ‘rugiada’ e si riferiscono alle lettere YHV del Nome scritto sotto forma di Zeir Anpìn, יוד הא – ואו (Yùd-Hey-Vàv). La lettera י (Yòd) rappresenta la Luce e la lettera ת, che è l’ultima lettera dell’ Alef-Bet, è per Malchut.

Isaia 16:5.
וְהוּכַן בַּחֶסֶד כִּסֵּא, וְיָשַׁב עָלָיו בֶּאֱמֶת בְּאֹהֶל דָּוִד
“il trono è stabilito fermamente sulla misericordia (Chessed) e sul trono sta assiso fedelmente, nella tenda di Davide, un giudice amico del diritto, e pronto a far giustizia”.
Un Talìt bianco è l’aspetto di Chessed e un trono è un ‘raccordo’ per la Luce che è al di sopra del livello sottostante.

Ezechiele 24:17
פְּאֵרְךָ חֲבוֹשׁ עָלֶיךָ
“cingiti il capo col turbante”Mettere i Tefillìn della testa e della mano è una connessione completa al nome YHVH dal livello superiore di Chockmàh (mondo di Atzilùt, Testa) e Malchùt (mondo dell’Azione, Mano).

Genesi-Bereshìt 1:26.
וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים, נַעֲשֶׂה אָדָם בְּצַלְמֵנוּ כִּדְמוּתֵנוּ; וְיִרְדּוּ בִדְגַת הַיָּם וּבְעוֹף הַשָּׁמַיִם, וּבַבְּהֵמָה וּבְכָל הָאָרֶץ, וּבְכָל הָרֶמֶשׂ, הָרֹמֵשׂ עַל – הָאָרֶץ”  “vayomer Elohim na’asèh adàm betzalmenu kidemutenu veyirdu bidegat hayam uve’of hashamayim uvabehemah uvechol-ha’aretz uvechòl-haremes haromes al-ha’aretz”.  “e HaShèm disse: ‘Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e abbia dominio sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame e su tutta la terra, e su tutti i rettili che strisciano sulla terra “.
L’immagine di HaShèm, che è l’Albero della Vita, esiste nel nostro corpo. Siamo stati fatti da campi di energia. Siamo considerati un ‘piccolo mondo’ e le diverse parti del corpo sono parte del sistema. Tutto ciò che facciamo con il nostro corpo influenza il sistema spirituale che abbiamo.
HaShèm ci ha dato il potere di controllare tutto ciò che è stato creato per noi.
Giobbe 19:26.
וּמִבְּשָׂרִי, אֶחֱזֶה אֱלוֹהַּ“”dalla mia carne (esistenza) ho potuto vedere HaShèm”
Giobbe ha appreso che la sua anima è un sistema completo spirituale e ha condiviso quella conoscenza con noi. Non ha detto “con i miei occhi vedo HaShèm ” o “dal mio cuore posso sentire HaShèm”. Egli si riferisce al corpo come il punto di vista per vedere e comprendere HaShèm. Giobbe ha capito che le sue sofferenze erano solo diversi livelli di un processo di purificazione. La sua anima ha tenuto insieme il corpo (campi di energia) e la sua esperienza lo ha purificato. Dopo aver terminato il processo di pulizia Giobbe è salito a livelli superiori.
Qualunque esperienza passiamo attraverso la vita, specialmente il dolore, è la nostra purificazione dell’anima. Non è un castigo di Dio, è una benedizione, perché il nostro soggiorno su questo piano dell’ esistenza è solo temporaneo ed è stato creato per noi per avere l’opportunità di crescere un’anima migliore e più pura. Tutto ciò che è intorno a noi sono solo strumenti da utilizzare per il nostro processo di elevazione.

Rabbi Shimòn ha compiuto la sua missione nella vita vivendo in una grotta, mangiando frutti del carrubo e acqua per sostenere il suo corpo per mantenere lo studio e la rivelazione dello Zohar. Il Santo Ari, è scomparso all’età di 38 anni. Aveva sofferenze fisiche e ha avuto l’esperienza della perdita di un figlio. Rabbi Ashlag aveva un cuore debole e il Parkinson o qualcosa di simile che limitava la sua capacità di scrivere.
Il tuo corpo è il tuo abito da lavoro. Quando tu esci dagli abiti da lavoro o quando il ‘grande capo’ dice il lavoro è finito, quindi puoi godere i frutti del tuo lavoro. Fino a quel momento, continuare a lavorare.

{| |}